No Image
In Evidenza

 

Immagini Molitura   Cosa è un extravergine
Dal produttore a te   Salute in frittura
Mantenersi in forma   Attenti alle truffe

 

 Irresistibile al palato, nuova vita per il corpo

 
 
Sconto 50%
4,9 €  al Litro
Offerta Speciale, COMPRA ORA
.
--> LUNA VERGINE <--
  --> ACQUISTA ONLINE <--
 
No Image
No Image No Image No Image
Olio Extravergine arrow News LEGISLAZIONE arrow Etichettatura made in Italy
No Image
Etichettatura made in Italy PDF Stampa E-mail
Scritto da Calogero Dimino   
sabato, 19 gennaio 2008 14:14

Con l’entrata in vigore del decreto salva olio italiano, scatta l’obbligo di indicare sulle etichette delle confezioni l’origine ed il luogo di spremitura delle olive.

Cosa scrivere in etichetta?

La nuova etichetta del vergine e dell’extravergine italiano dovrebbe indicare obbligatoriamente una delle seguenti diciture:

 

DA OLIVE RACCOLTE IN ITALIA

DA OLIVE COLTIVATE IN ITALIA

DA OLIVE PRODOTTE IN ITALIA

100% OLIVE ITALIANE

 

Fino al 16 gennaio 2008 era indispensabile indicare solo il luogo di confezionamento dell’olio, senza specificare lo stato di provenienza delle olive. Multe fino a 9500 euro per i trasgressori.

Si vuole impedire così che vengano spacciate come “made in Italy”, miscugli di olio spremute da olive spagnole, greche, tunisine, che sempre più invadono il mercato italiano. Nei primi soli primi 9 mesi del 2007 si è registrato un aumento del 25% di oli importati.

 

Articoli correlati:

Legge Olio Made in Italy in etichetta

 

Leggi:

Norme in materia di indicazioni obbligatorie nell'etichetta dell'olio vergine ed extravergine di oliva

 

 
< Precedente   Prossimo >
Google
 
No Image
No Image No Image No Image

Sondaggio

Decreto "salva olio": serve indicare obbligatoriamente paese di raccolta e di molitura delle olive?
 

°